Oggi, 20 gennaio, si è svolto il convegno di Federculture ''Una strategia per la cultura - Una strategia per il Paese'' nel corso del quale il Presidente Roberto Grossi ha presentato alla Camera dei Deputati le ultimi analisi sulla grave situazione del settore culturale e le proposte per uscire dalla crisi.

I dati presentati confermano quanto già evidenziato nel Rapporto Federculture 2013: una crescita del 3,7%, rispetto al 2012, degli italiani che nel corso dell’anno non hanno partecipato ad attività culturali. Dati che, per la mancanza di politiche di programmazione ma anche per un problema educativo, ci posizionano in coda alle classifiche europee con un indice di partecipazione culturale nazionale pari all’8% rispetto ad una media europea del 18%. Un calo della domanda che va di pari passo con quello degli investimenti e dell’offerta. Il budget del Ministero per i Beni Culturali in dieci anni è stato ridotto di quasi un miliardo di euro e per il triennio 2014- 2016 si prevede un’ ulteriore riduzione di 1,4 miliardi. Anche gli investimenti privati sono in contrazione: nel 2013 le sponsorizzazioni da parte delle aziende private alla cultura sono state pari a 159 milioni di euro. All’incontro, al quale hanno partecipato la Presidente della Camera, Laura Boldrini, il Sindaco di Torino e Presidente dell’Anci, Piero Fassino, Il Professore e giurista Stefano Rodota', il Direttore Relazioni Esterne e Comunicazione Enel, Gianluca Comin, e il Segretario Generale dell’Accademia di Francia Claudia Ferrazzi è stata sollevata da parte di tutti l’urgenza di adeguati interventi per il rilancio del settore attraverso un più stretto rapporto tra pubblico e privato e attraverso un piano di sostegno per le aziende culturali per restituire alle imprese della cultura piena autonomia. Si è discusso, inoltre, dell’importanza di realizzare strumenti di assistenza per la progettazione culturale integrata e di estendere la detraibilità delle spese per cultura e formazione anche alla partecipazione a mostre, spettacoli teatrali e corsi che abilitino alla pratica artistica e museale.

Per maggiori informazioni: stampa@federculture.it